Approvazione definitiva del regolamento F-gas

4.jpg

Lo scorso 8 novembre il Consiglio dei Ministri ha comunicato ufficialmente l’approvazione del regolamento di esecuzione del Regolamento UE 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra. Attraverso questo strumento normativo si stabiliscono le modalità con cui l’ordinamento italiano ratifica le prescrizioni della normativa europea sugli F-gas. Tutti i gas fluorurati a effetto serra coinvolti dalla norma sono quelli usati come refrigeranti, agenti estinguenti, espandenti, propulsori e isolanti nelle apparecchiature elettriche.
Nel testo del nuovo Regolamento, che dovrà comunque essere adottato mediante decreto del Presidente della Repubblica, si pone il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare (MAATM) quale autorità competente a interloquire con gli operatori e le imprese, assegnandogli inoltre i seguenti ruoli:

  • L’amministrazione del sistema di formazione e certificazione di persone fisiche ed imprese;
  • L’implementazione del registro telematico nazionale per le persone fisiche e per le imprese;
  • L’individuazione degli “organismi di controllo competenti per le procedure di verifica dei dati relativi all’immissione in commercio di apparecchiature precaricate con gas fluorurati”;
  • L’istituzione di una nuova Banca Dati per la raccolta e la conservazione delle informazioni sui gas fluorurati a effetto serra;
  • Il controllo e la verifica dell’obbligo di formazione delle persone e di certificazione delle imprese.

Un altro aspetto positivo della normativa riguarda direttamente la nuova banca dati per gli F-gas: uno strumento gestito dalle Camere di Commercio, che imporrà ad imprese e persone certificate di comunicare determinate informazioni su installazioni, manutenzioni e smantellamento di impianti che contengono più di 5 tonnellate di CO2 equivalenti (ossia, come esempio nel caso di impianti in R32, 7,40 kg di gas) e che quindi permetterà di censire tutte le attività di distribuzione del gas, aiutando tra l’altro a risolvere il problema della vendita incontrollata online di questa tipologia di gas.
Il fatto che il nuovo Regolamento ponga definitivamente la parola fine sulle incertezze che da anni colpiscono le imprese ed i professionisti del settore sugli adempimenti ed obblighi di legge a loro carico è in assoluto l’aspetto più atteso della novità.
Va infine accolta positivamente anche l’introduzione dei nuovi strumenti di monitoraggio circa l’uso degli F-gas, strumenti che serviranno a ridurre al minimo la possibilità di un improprio utilizzo di gas fluorurati da parte di operatori non certificati, salvaguardando quei professionisti e quelle imprese che hanno invece lavorato duramente per conseguire la certificazione.  

Altre immagini

  • Bombole.png
  • FGAS.png

Ricerca

Archivio

Gio 22 Nov 2018